* Home

* Scrivi

 

La rubrica di Salvatore Presti

 

             Quando Enna si chiamava Castrogiovanni

Inserito in vivisicilia.it il Gen 9th, 2017 e archiviata in * Flash news, * Home Evidenza, ENNA, Enna. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

“Sotto la neve pane”


Quando Enna si chiamava Castrogiovanni e gli inverni erano veramente rigidi,                 .....leggi tutto

 

 

 

 

 

Presentato all’ ‘Al Kenisa’ di Enna il libro di

 

Angiolo Alerci

 

“Cronaca e riflessione sulla politica italiana”  

......leggi tutto

 

 

16 maggio 2015

 

Carissimo Augusto,
t'invio l'articolo su Pergusa (visita di Mussolini nel '37) quale contributo al tuo bel servizio sul Lago pubblicato in evidenza sul sito dell'associazione. Se vuoi lo puoi pubblicare. T'invio altresì le foto del Villaggio inaugurato dal Duce il 14 agosto 1937 e la foto delle coppie che ricevettero il premio.... e qualche altra foto storica.
Un caro saluto,
Salvatore


 

MUSSOLINI A ENNA E PERGUSA
 

Il 14 agosto 1937, proveniente da Gela, Benito Mussolini giunse ad Enna salutato ed acclamato da tutta la popolazione. Passato in rassegna il picchetto militare d’onore schierato in piazza Vittorio Emanuele e ricevuto il saluto dalle Autorità, il Duce si affacciò sulla piazza stracolma di gente dal balcone di Palazzo Militello da dove rivolse un breve discorso al “popolo adunato” ......   leggi tutto



Articolo pubblicato sul Giornale di Sicilia (cronaca di Enna) il 14/08/07 col titolo: “Arriva Mussolini ma salta la centrale elettrica e il Duce andò a letto a lume di candele”,
e sul periodico “Pergusapiù” nel mese di luglio del 2012


 

 

 

Ill.mo Sig.Augusto Lucchese - Ass.culturale Ethos - Aci Sant.Antonio

 

Chi scrive è uno dei nipoti ultimi della famiglia “Scultori Morgano”, incuriosito dal vostro sapere e dal vostro amare le tradizioni e la storia della città di Enna che servono a tramandare con motivato interesse una cultura e una appassionata testimonianza a suggello di un’epoca che non esiste più, ma di cui rimane testimonianza nelle arti e nelle opere "scolpite" nel tempo. Leggi tutto

 

 

 

Quei grandi commercianti di Catania ebbero nonni e padri targati Enna 

 

Quando Catania, tra l’Ottocento e il Novecento, e fino a qualche decennio fa, accoglieva flussi migratori, costituiti anche da interi gruppi familiari provenienti dai paesi dell’entroterra dell’isola, da Enna si spostarono nella città etnea, attirati dal dinamismo economico-commerciale di quell’area, eccellenze d’imprenditori ed anche semplici commercianti in cerca di miglior fortune economiche che non solo si sono inseriti nel tessuto sociale della città ospitante ma hanno contribuito alla sua crescita economica e industriale. 

...Leggi tutto

 

 

Enna, da Comune a Provincia

IL 27 ottobre 1927, dopo 900 anni , un regio decreto ripropose l’antica denominazione latina . 
Da Castrogiovanni a Enna , 80 anni fa la città riacquistava il nome originario. E in un decennio il capoluogo cambiò volto con la costruzione di tanti edifici.
Lo storico “passaggio” avvenne ottant’anni fa, a quasi un anno dall’elevazione a Provincia della città, che diventò il capoluogo più alto d’Italia. ...Leggi tutto

 

   

I RICOVERI ANTIAEREI

 

A partire dalla seconda metà del ‘42 e nel primo semestre del 1943, nelle piazze e lungo le pareti rocciose della periferia della città, squadre di operai, formate da carusi e da uomini dai quaranta ai sessant’anni (tutti gli altri abili erano in divisa grigioverde al fronte), scavarono ininterrottamente al fine di approntare, al più presto, i ricoveri antiaerei per i civili. 

.....Leggi tutto

Il 20 LUGLIO DEL 1943 le truppe alleate liberarono la città dal potere tedesco e fissarono regole per la distribuzione del cibo

Lutti, fame e bombardamenti: il ricordo è vivo Sessantacinque anni fa il ritorno alla libertà

(* sap *) L’ingresso della truppe alleate in città , avvenuto il 20 luglio del 1943 , sembrò essere per gli ennesi la fine degli stenti patiti sin dall’inizio dell’entrata in guerra dell’Italia .

....Leggi tutto

 

ENNA COM’ ERA.

I Barbieri d'allora.

 Il negozio (salone di barba e capelli) era un luogo d’incontro fino a tarda sera. 
Quando il barbiere suonava il mandolino e nel salone si parlava di donne e politica.
Fino agli anni Sessanta, tra dicembre e gennaio, il barbiere donava ad ogni cliente un piccolo calendario tascabile osé, illustrato con foto di ragazze seminude, legato con cordoncino e fiocchetto colorato, che emanava un gradevole profumo: il tutto finiva per animare la fantasia dei giovani e dei meno giovani. Veniva custodito, per tutto l’anno, nel portafogli e assai spesso si nascondeva alle donne di casa .   ....leggi tutto

 

I VEGLIONI

 Il Ballo in Maschera si teneva, come da tradizione, il giovedì grasso. Alcuni partecipavano con maschere classiche (pulcinella, arlecchino) o di fantasia (strega , diavolo) ,altri non trovando più costumi carnevaleschi da affittare presso la Castellana ,(da tutti conosciuta “a zzè Ciccina a villarusana”),
indossavano la “scappuccia”, un antico mantello con cappuccino. Quasi tutti portavano una mascherina: con la “veletta, le dame;alla “zorro”, i cavalieri. .....Leggi tutto

 

I PIROSCAFI

Dal 1870 i piroscafi solcarono il Mediterraneo svolgendo servizio postale , ma anche merci e passeggeri, verso Grecia, Turchia e Russia. E allora la città si chiamava Castrogiovanni. Quei due battelli della flotta dei Florio chiamati “Enna” e “Piazza Armerina”. 
(*Sap*) Nel 1861 Vincenzo Florio, il più grande capitano d’ industria della Sicilia , fra le tante attività , costituisce la società “Piroscafi postali” per garantire i servizi postali , di merci e di passeggeri , nell’Italia meridionale, nella Grecia, nella Russia ed anche nella Turchia. .....Leggi tutto

 

 

 

 

Ass. Socio-Cult. «ETHOS - VIAGRANDE»  Via Lavina, 368 – 95025 Aci Sant’Antonio
Presidente Augusto Lucchese
Tel. - Fax: 095-790.11.80 - Cell.: 329-0353017 e-mail: augustolucchese@virgilio.it